ABC dello Scrap: embossing a caldo

ABC dello Scrap: embossing a caldo

L’embossing a caldo è il metodo per decorare le nostre creazioni con scritte o disegni in rilievo.

E’ una tecnica davvero molto semplice da applicare, bisogna solo munirsi di alcuni strumenti:

  • 1 timbro
  • 1 tampone per timbri ad asciugatura lenta o un pennarello per embossing (che può essere usato anche a mano libera)
  • la polvere per embossare
  • la heatgun: la pistola ad aria calda.

Invece che usare la pistola, dicono che sia possibile mettere il foglio nel forno… sinceramente per quello che costa consiglio di comprare la heatgun, vi può servire anche per asciugare velocemente le vostre colorazioni (ad esempio con i distress) o per creare delle candele decorate.

Per quanto riguarda il colore del tampone o della polvere queste sono scelte che dovrete fare voi.

Io uso colori di inchiostro diverso e la polvere da embossing trasparente. In questo modo la mia polverina assorbe il colore della timbrata. Ma esistono anche inchiostri trasparenti e polveri colorate o glitterate, dovete vedere voi quali sono le scelte migliori per i vostri lavori. Tuttavia il procedimento per effettuare un’embossatura a caldo è il medesimo.

Vediamo come si effettua una embossatura a caldo.

Inchiostriamo per bene il nostro timbro, picchiettate l’inchiostro non trascinatelo

1

così stenderete il colore in modo uniforme sul vostro timbro.

2

Timbrate il vostro foglio e premete bene in modo da trasferire tutto il colore sul vostro cartoncino. La pressione che dovete esercitare dipende molto dal tipo di timbro che usate, fate qualche prova perchè rischiate che premendo troppo il colore un po’ sbavi, ma questo è un problema del produttore del timbro, non vostro, dovete solo prendere la mano per usarlo nel modo più giusto.

3

Vedete? la timbrata è perfetta e omogenea. Non fatevi prendere dall’angoscia di dover finre, i tamponi ad asciugatura lenta vi danno la possiblità di lavorare con tutta la calma che vi serve, infatti io, mentre preparavo le embossature, ho avuto anche il tempo di fare tutte le fotografie e scegliere tra le tante quelle venute meglio (mi scuso ma non sono una gran fotografa).

4

Appoggiate la vostra timbrata su un foglio di recupero e versate sopra al colore la polverina

5

Siate generosi, la polvere deve ricoprire tutto l’inchiostro, non abbiate paura di sprecare prodotto.

6

Quando avete coperto tutto prendete la timbrata e sbattetela leggermente sul foglio di recupero in modo da far cadere tutta la polvere in eccesso, che provvederete a rimettere immediatamente dentro il brarattolino prima di spargerla in giro per la casa.
Sulla timbrata rimane attaccato il prodotto necessario per effettuare l’embossatura.

6a

Prendete la vostra heatgun ed iniziate a scaldare la polvere: questa trattenuta dall’inchiostro non volerà via con l’aria calda, ma si scioglierà creando uno strato gommoso solo dove prima c’era l’inchiostro.

6b

E questo è il risultato, se passte sopra un dito sentirete il rilievo.

7

Queste mie embossature sono servite come abbellimenti per un mini album che ho preparato, dopo averle embossate le ho tagliate passandole nella BigShot.

8

Con lo stesso procedimento potete embossare praticamente di tutto, qui vi faccio vedere come ho fatto con un chipboard tagliato da Scrapbooking Facile, la mia meletta che ormai sto mettendo ovunque.

9

L’ho tamponata con l’inchiostro e poi ricoperta con la polvere per embossing.

10

Sbattuta leggermente per perdere la polvere in eccesso e poi scaldata con l’heatgun.

11

E questo è il risultato. Carino vero?

12

Spero che queste informazioni vi siano state utili.

A presto!

Elena

Lascia un commento