Distressando….

Distressando….

Ciao Scrappers!!

Oggi vorrei condividere con voi una card che ho fatto utilizzando i colori Distress della Ranger per fare sia lo sfondo che la colorazione.

Innanzi tutto vediamo cosa sono questi Distress che spesso vengono nominati nel mondo scrap.

I Distress sono dei colori a base acquosa che vengono utilizzati per la colorazione, il journaling, lo stampaggio, per creare effetti particolari e chi più ne ha più ne metta.

La particolarità di questi colori è che reagiscono a contatto con l’acqua creando sfumature ed effetti davvero molto belli e particolari. I lavori acquistano un’aria soffusa e romantica, carica di un particolare effetto vintage.

Per la mia card ho usato tre dei formati di Distress disponibili: tamponi, re-inker e marker.

I tamponi sono i classici cuscinetti con inchiostro, li potete usare per timbrare, ma le timbrate non saranno nette e nitide perchè non sono il loro uso primario, per colorare sfondi o per effettuare colorazioni di vario genere.
I re-inker sono le ricariche dei tamponi. Per ricaricarli basta usare l’apposito contagocce situato nel tappo della boccetta e versare delle gocce sopra al tampone scarico.
Infine per quanto riguarda i marker, questi sono dei pennarelli con una doppia punta, una ultra sottile che assomiglia al classico tratto-pen e l’altra invece è una sorta di pennellino per tratti più spessi.

Poi ci sono altri tipi di Distress ma non li ho usati per questo progetto, pertanto di quelli ne parleremo un’altra volta.

Con i tamponi ho preparato lo sfondo della mia card. Farlo è stato davvero molto semplice.

Ho preso un cartoncino da 290 grammi color panna e usando dei tamponi ho sporcato tutto il contorno con tre tonalità di Distress: peacock feathers, mustard seed e frayed burlap. Poi con un pezzo di carta da cucina bagnato ho sfumato il tutto con dei movimenti circolari e l’effetto che ho ottenuto è questo

4

Non ho tamponato e sfumato tutto il foglio perchè il centro successivamente l’ho ricoperto con la mia bambolina colorata.

5

La mia bambolina è una Gorjuss e l’ho colorata con i Distress Marker e i Re-inker.
Per colorare con i Distress si deve usare della buona carta per acquarello. Io uso il blocco per artisti della Fabriano. E’ una carta da 300 g che contiene il 50% di cotone.
La carta in questo caso è davvero molto importante, una tipologia errata compromette notevolmente il risultato finale del vostro lavoro, portandovi addirittura a pensare che questo tipo di colorazione non fa per voi.

Altro elemento fondamentale per dipingere con i distress è il pennellino da utilizzare. In commercio se ne trovano con dei serbatoi ad acqua incorporati. Il mio parere è che sono meglio i classici pennelli perchè con questi potete decidere voi quanto tenere inumidite le setole del pennello. Usando più o meno acqua per sfumare otterrete effetti diversi e tonalità di colore più o meno cariche.
Quello che uso io è un Tintoretto/Lorenzetto 00000 (5 zeri) che mi permette di essere molto precisa e di disegnare righe molto sottili.

Infine ho sfumato tutto lo sfondo della timbrata creando un effetto nuvola usando sia il pennello che la carta da cucina. Per finire ho strappato i bordi della timbrata e sporcato tutto il contorno con lo stesso colore del cielo diluito con l’acqua prima di colorare il foglio.

Quando ho sovrapposto la mia colorazione allo sfondo della card, mi sembrava un po’ spoglia, pertanto ho preso della semplice garza da farmacia, l’ho sporcata con il Distress picked raspberry e l’ho usata per creare un certo distacco tra il pavone, colore predominante sullo sfondo della card, e l’azzuro cielo della colorazione.

Per rifinire la mia card ho usato del washi, dei fiorellini di carta e plastica, un po’ di pizzo, del nastro a rete e delle foglie della Kesi’art molto carine. Infine ho abbellito il tutto con un sentiment con scritto 1 sorriso. Questa scritta carinissima è stata tagliata a laser da Scrapbooking Facile la potete trovare nello shop assieme a tante altre belle cosine.

A presto!!

Elena

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia un commento